TREKKING IN EMILIA ROMAGNA

 

TREKKING IN EMILIA ROMAGNA

Quando la mattina vi svegliate al Riccione Beach Hotel e la giornata non è delle migliori per andare in spiaggia oppure lo è ma volete fare qualcosa di diverso organizzatevi per un bel trekking in Emilia Romagna !!!!

 La montagna – come dice l’alpinista e fotografo Guido Rey – è fatta per tutti, non solo per gli alpinisti: per coloro che desiderano riposo nella quiete come per coloro che cercano nella fatica un riposo ancora più forte.

L Emilia Romagna offre parecchi spunti e territori ideali per fare un sano trekking approfittando anche delle proprie vacanze in questa regione. Accompagnati se vogliamo da guide Cai, iniziamo il nostro cammino in uno degli splendidi percorsi trekking in Romagna, tra le montagne della nostra Regione!

LE GUALCHIERE

Il punto di partenza dell’itinerario treekking in Emilia Romagna  del nostro viaggio è l’abitato di Bagno di Romagna, stazione termale molto conosciuta per il turismo termale dell’Appennino romagnolo 

Dall’ abitato ci si sposta verso Verghereto, al bivio per il Passo dei Mandrioli si gira a sinistra e dopo poco, in una grande curva a sinistra sotto ad un viadotto della superstrada, si incontra, sulla destra, un grande spiazzo qui potrete parcheggiare la macchina e iniziare il vostro percorso a piedi . A lato del parcheggio parte una strada in leggera discesa che porta al vecchio borgo delle Gualchiere.

L’ insediamento paleoindustriale delle Gualchiere, uno dei più interessanti ed intatti dell’Appennino tosco-romagnolo, lo troviamo sulla sponda sinistra del torrente che porta lo stesso nome  Savio, e lungo l’antica via di Passo Serra che già nel medioevo metteva in comunicazione la Romagna con la Toscana e Roma..

Una volta passato  il borgo, il sentiero continua a destra, permettendo di evitare i 6 guadi, in successione, del fosso delle Gualchiere. Vista la scardsa portata attuale, noi proseguiamo dritto per i guadi, per riprendere il sentiero prima del ponte, nei pressi della Maestà Balassini.  e da qui si  comincia a salire l’antica mulattiera.

 Il sentiero sale poi sui tornanti che, in parte, sfruttano la naturale pendenza delle rocce arenarie del Poggio Alto, quindi si giunge al Nasseto (m.897 slm).

I tornanti agevolano la salita ed i balzi di roccia offrono bellissimi panorami sulla valle sottostante. 

Seguire i percorsi trekking in Romagna significa anche vivere bellissimi momenti di relax  immersi nella natura incontaminata!

Partendo anche  da Rimini  o da Riccione si possono raggiungere facilmente in auto diversi percorsi  di trekking  in Emilia Romagna adatti sia ai principianti che ai più esperti per trascorrere giornate di trekking davvero uniche.

Ma vediamo nel dettaglio alcuni zone con percorsi di trekking presenti in Romagna e anche nelle vincine Marche.

ALTA VALCONCA

Partiamo dal sud della Romagna al confine con le Marche dove incontriamo la valle del Conca che prende il nome dal fiume Conca, corso d’acqua che nasce a 1.400 metri sul monte Carpegna e termina nel mare Adriatico tra Misano e Cattolica.

La valle del Conca è in Romagna luogo molto apprezzato dagli amanti del trekking con percorsi molto variegati che si snodano lungo le dolci colline tra le decine di borghi presenti a partire :da Morciano di Romagna.

Da ognuno di questi borghi medievali, come Saludecio, Mondaino, Montefiore, Gemmano, che si trovano tutti su  sommità di colline,  e da qui partono percorsi per praticare trekking che si fanno via via più difficile salendo di altitudine.

PARCO DEL MONTE SAN BARTOLO

Usciamo leggermente dalla Romagna e passiamo nelle Marche ove troviamo una zona davvero unica per le escursioni di trekking: il parco naturale del Monte San Bartolo.
Il Parco è favoloso per la particolare conformazione in parte rocciosa e a strapiombo sul mare, un luogo unico che regala una visuale mozzafiato e paesaggi incantevoli.

Si divide nettamente in due parti, quella appunto direttamente sul mare con una costa alta anche fino a 200 metri e quella interna dove si trovano diversi paesi (Gabicce Monte, Casteldimezzo, Fiorenzuola di Focara e Santa Marina alta), boschi e distese incontaminate.
Il Parco oltre che ideale per escursioni di trekking di vario livello, è luogo intriso di storia, dagli scavi archeologici di Colombarone dove si possono vedere i resti di una villa romana alle leggende dei vecchi porti e delle città scomparse.

MONTE CATRIA

Usciamo ancora  dalla Romagna per arrivare comunque ad un luogo facilmente raggiungibile da Rimini e molto apprezzata dagli appassionati di trekking: il Monte Catria.
Il  monte  Catria è la vetta maggiore dell’appennino umbro-marchigiano alto  1.701 metri e domina gran parte delle zone circostanti offrendo viste incredibili  e mozzafiato dalla sua cima .

Nelle giornate più limpide da qui si puo’  scorgere buona parte  di Italia centrale, dai Monti Sibillini ai monti Reatini fino al lago Trasimeno, i boschi umbri, le colline marchigiane e il mare Adriatico.

Il monte Catria fa parte inoltre  di un gruppo di monti che comprende anche il monte Acuto (1668 m s.l.m.), la vetta delle Balze degli Spicchi (1526 m s.l.m.), e il Corno del Catria (1185 m s.l.,m).
Su questi monti si trovano percorsi piuttosto selvaggi e di difficoltà variabile adatti ad appassionati di trekking di vario livello con la possibilità di godersi anche di una fauna e una flora ben rigogliosa. una bella  giornata in mezzo alla natura

GOLA DEL FURLO

Altra meta fuori dalla Romagna  ma piuttosto vicina  per un’escursione di trekking è la Gola del Furlo situata nel comune di Fermignano. La Gola prende il nome dalla sua particolare conformazione, un foro appunto che in latino ha questo significato.

Una conformazione davvero sorprendente, un “foro” maestoso scavato tra i monti Pietralata e Paganuccio dal fiume Candigliano.

Oltre all’aspetto per così dire scenografico, la zona del Furlo è meta ambita per escursioni poiché presenta numerosi percorsi di varia conformazione e difficoltà e una grande ricchezza sia di flora che di fauna; da segnalare in questo senso che la Gola è uno dei luoghi più frequentati dagli amanti del birdwatching per la presenza di specie che non è facile osservare altrove come l’aquila reale, il falco pellegrino, il gufo reale.

ALTO RUBICONE

Tornando in piena Romagna in una zona facilmente raggiungibile da Rimini ecco una meta per fare trekking piuttosto ricercata: i sentieri dell’alto Rubicone.

Qui si trovano tanti percorsi 16 i  in totale  per  quasi 160 km che si snodano nelle colline tra i Comuni di Sogliano al Rubicone, Roncofreddo, Mercato Saraceno, Sant’Agata Feltria, Talamello e Novafeltria.

Questi percorsi sono  ideali per il trekking ma anche per mountain-bike, un progetto davvero articolato nato da un’idea e da un grande lavoro svolto dal comune di Sogliano insieme all’associazione A-Team Bike School; un progetto che valorizza una zona naturale e che comprende ben tre vallate: Rubicone, Uso e Savio.

Visita il sito ufficiale: http://www.isentieridellaltorubicone.it/it/homepage/

FORESTE CASENTINESI

Altra zona ideale per trovare bei percorsi è il confine dove la Romagna incontra le Marche  e qui si trova un’altra meta di grande prestigio per gli appassionati di trekking, la zona di Bagno di Romagna, località che si trova a valle della catena appenninica che divide appunto la Romagna dalle Marche.
La valle, denominata del Savio per il nome del fiume che la attraversa, è snodo piuttosto importante essendo posizionato in una zona di grande passaggio dell’Italia Centrale dove scorrono arterie di comunicazione altamente trafficate.

Dal 1993 la zona è diventata ancor più importante con l’istituzione del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, un luogo dove la natura ha  un ruolo fondamentale, un paradiso di boschi e fauna che richiama migliaia di appassionati.

I sentieri si snodano lungo i crinali dei vicini monti e sono apprezzati per la loro grande varietà, per la possibilità di vedere animali e scorgere paesaggi davvero particolari, ma anche luoghi dove la storia ha lasciato il suo segno.

LE CASCATE DELL’ACQUACHETA

All’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, sempre al confine tra Toscana ed Emilia Romagna diamo una menzione particolare per gli appassionati di trekking le Cascate dell’Acquacheta.

Raggiungibili sia dalla parte romagnola che da quella toscana  in genere si predilige la Romagna per la semplicità nel raggiungere il paese di partenza che è San Benedetto in Alpe.

Da San Benedetto parte il sentiero che costeggia il torrente e sale lungo il monte, prima in modo dolce poi più pendente anche attraverso il bosco per arrivare intorno ai 700 metri s.l.m. alla Cascata dell’Acquacheta, luogo davvero unico e suggestivo.

Il dettaglio del percorso: http://www.appenninoromagnolo.it/itinerari_trek/acquacheta.asp

NASSETO

Storicamente, del podere si trova notizia già nel 1500 ed è rimasto attivo e utilizzato fino agli anni ’60 del secolo scorso. Qui venivano portati all’alpeggio,, gli animali provenienti da altri pascoli. Un grande prato adibito al pascolo dove ancora oggi, d’estate, può capitare di vedere qualche mandria.

Il suo paesaggio, però, con il trascorrere del tempo sta mutando pian piano da semplice prato in bosco, per la presenza sempre più fitta di rovi e piante selvatiche.

L’intero podere è attraversato da una mulattiera affiancata da una doppia fila di aceri, cerri e carpini secolari: porta verso il Passo Serra, seguendo un percorso che anticamente praticavano i pellegrini diretti verso Roma.

Da qui  percorrendo un lungo e boscoso tratto di crinale lungo il quale si incontra  il Passo dei Mandrioli e Cima del Termine, ci dirigeremo verso il Poggiaccio, per poi ritornare alle Gualchiere scendendo il sentiero 185.

I percorsi trekking in Romagna sono l’occasione ideale per ritrovare la quiete e la serenità e per il vostro soggiorno potrete scegliere il Riccione Beach Hotel con il suo brunch dalle 8 alle 14,00, il parcheggio privato a pochi passi dal mare e da tutti i percorsi per escursionismo e trekking della Emilia Romagna, delle Marche e Toscana.

Visita il nostro sito e seleziona subito delle offerte www.riccionebeachhotel.com

per leggere altri articoli sul tempo libero e su cosa fare clicca qui http://www.riccionebeachblog.it/category/tempo-libero/

 

 

 

 

COSA FARE IN AUTUNNO IN ROMAGNA VICINO A RICCIONE


cosa fare in autunno a riccione

 1- Cosa fare in Autunno a Riccione? – Esperienza in viaggio sulla via dei vini sangiovese and co.

State pensando a ”  cosa fare in autunno a Riccione ” ???

Se vieni in Romagna devi assolutamente seguire la  via del gusto lungo il cammino del Sangiovese e dei profumatissimi vini prodotti qui!

La Romagna rinomata come  terra dell’accoglienza e della cordialità, è attorniata da i piccoli e magici borghi medievali,popolata di gente bellissima che tramanda tradizioni e racconti.

E sono queste persone che con il tempo hanno fatto crescere questo straordinario prodotto tramandando tradizioni di generazione in generazione.

Settembre e ottobre sono il periodo  migliore sicuramente più suggestivo per visitare le vigne, portandosi dietro l’intera famiglia passando una giornata in pieno relax raccogliendo l’uva. 

Per info sulle winery della nostra zona chiedi direttamente al Riccione Beach Hotel www.riccionebeachhotel.com

cosa fare in autunno a riccione

2 – Cosa fare in Autunno a Riccione? – Girovagare per l’appennino Immersi nel Parco nazionale delle Foreste Casentinesi

Se vieni appunto in autunno settembre è la stagione degli amori e  il mese in cui il cervo è al suo massimo sviluppo poiché inizia la stagione degli amori. 

Nella notte richiami d’amore dei cervi sembrano urla che non possono non impressionare per potenza e maestosità.

Avventurarsi nei boschi del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi da metà settembre a metà ottobre significa assistere a questo spettacolo da vicino, ascoltando il bramito dei cervi e lo scontrarsi delle corna, guardandoli assolutamente senza disturbarli.

Sul sito del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi puoi trovare tutte le info a riguardo: https://www.parcoforestecasentinesi.it/ e troverai un sacco di cose da fare in autunno a Riccione.

 

cosa fare in autunno a riccione

3 – Cosa fare in Autunno a Riccione? Ammirare i fenicotteri rosa

Questo meraviglioso spettacolo  lo si puo’ ammirare nel Parco del Delta del Po

In Romagna esiste infatti  questa nostra piccola nostrana  Camargue che sulla cartina troviamo segnata  come il Parco del Delta del Po.

Vi si possono ammirare i bellissimi fenicotteri rosa  immersi in un paesaggio che amanti di natura e animali non possono perdersi tra le esperienze da vivere!

Una vera e propria full immersion nella natura con la possibilità di visitare i siti naturalistici di questo luogo, riconosciuto nel 2015 come Riserva della Biosfera MaB UNESCO.

Qui  gli uccelli del Delta del Po costituiscono la più importante area ornitologica italiana e una delle più rilevanti d’Europa, un patrimonio di straordinario valore, con oltre 310 specie segnalate. 

Se volete delle info ecco qua  http://www.parcodeltapo.it/

per altre info www.riccionebeachhotel.com

cosa fare in autunno a riccione
4- Cosa fare in Autunno a Riccione? – A cena nel capanno da pesca

I Capanni da pesca sono uno dei simboli del paesaggio emiliano-romagnolo che con le loro sagome colorate e inconfondibili sono guardiani instancabili delle nostre acque.

Per farvi scoprire questa realtà autentica, fatta di luci e colori, vi proponiamo alcuni itinerari perfetti come:

  • suggerimento per pescatori non professionisti
  • idea di viaggio per gli amanti del birdwatching
  • prossima meta per gli appassionati di fotografia

Scoprire i capanni da pesca è una proposta per tutte le stagioni.

La primavera, con le prime giornate miti, regala lo spettacolo del risveglio della natura.

L’estate arricchisce, con un sapore del tutto vintage, la vivace vacanza di spiaggia.

L’autunno offre un break rilassante, perfetto per il rientro alla quotidianità.

L’inverno, con la sospensione della pesca e lo smontaggio delle reti, è perfetto per chi cerca tranquillità e vuole entrare in contatto con le genti di questi luoghi.

Ma scoprire i capanni da pesca in Emilia Romagna è, sempre, anche un viaggio nel tempo, nelle tradizioni di pesca locali in una sorta di eco-museo all’aperto della tradizione abitativa delle zone umide dell’Emilia-Romagna.

Il capanno da pesca, detto anche “bilancione” è un tipico capanno da pesca con rete a bilancia utilizzato dai pescatori nelle zone costiere dell’Emilia Romagna.

Nel porto canale  di Cesenatico ne troviamo di favolosi  che sono diventati a pieno titolo una parte del patrimonio culturale dell’Emilia Romagna.

Altrettanto belli sono quelli in provincia di Ravenna che entrano in simbiosi con il paesaggio del Parco del Delta del Po.

Immaginate di entrarci dentro e potere assaggiare  una cena di pesce appena pescato…

Non vi sembra una delle esperienze da vivere almeno una volta nella vita?

Per info www.riccionebeachhotel.com invia una richiesta

Per leggere altri articoli sul tempo libero leggi i nostri articoli http://www.riccionebeachblog.it/category/tempo-libero/

Parchi Tematici Riccione Acquario di Cattolica, Italia in miniatura – parte seconda

I PARCHI DIVERTIMENTO PIU’ FAMOSI IN EUROPA SONO A RICCIONE ACQUARIO DI CATTOLICA, ITALIA IN MINIATURA ecc.

I migliori Parchi divertimento sono a Riccione e sono AQUAFAN e OLTREMARE, ITALIA IN MINIATURA, L’ ACQUARIO DI CATTOLICA, FIABILANDIA !

Ecco perchè vi consigliamo sempre di venire nel nostro Riccione Beach Hotel, ma… ecco la dimostrazione dei motivi per cui dovreste sceglierci come meta!

Grazie a questo fantastico blog avete modo di leggerli tutti!

Ma non perdiamoci in chiacchiere… oggi parliamo di: Parchi divertimento Riccione!

1. ITALIA IN MINIATURA

L’Italia in Miniatura  è un sogno tridimensionale a occhi aperti la realtà che supera la fantasia ,  il patrimonio storico, architettonico e culturale italiano ridimensionato in scale con meravigliose rappresentazioni in miniatura, di estrema fedeltà e stupefacente realismo.

 

Il Parco dell’Italia in Miniatura è sorto circa  quaranta anni fa  nel 1970 grazie a Ivo Rambaldi,  che percorse 27.000 km per visitare e misurare, metro alla mano, chiese, piazze, ponti e monumenti, utilizzando  6.000 fotografie, disegni e mappe a tutte le Università Italiane e poter così realizzare miniature fedeli e straordinarie.

Oggi l’Italia in Miniatura è molto diversa e piu’ grande rispetto alle sue origini: si sono aggiunte numerose attrazioni, , rivolta specialmente a famiglie, bambini e scolaresche . Una bellissima favola raccontata da oltre 45 anni .

Il nucleo storico del parco è costituito da 273 riproduzioni  architettoniche italiane ed europee, minuziosamente riprodotte in scala da 1:25 a 1:50, immerse in un verde spettacolare su una grande superficie all’ aperto complessiva di 85.000 mq.

Miniature ma anche tanto altro: il Parco offre numerose attrazioni Cannonacqua, ad esempio, sfidando  gli amici in frizzanti battaglie d’acqua all’ultima goccia.

Potrete ammirare le miniature dalla Monorotaia Arcobaleno, un treno a trazione elettrica che percorre l’intero perimetro del Parco.

Se vorrete sentirvi davvero a Venezia, a Italia in Miniatura potete farlo.

A Italia in Miniatura, navigando sul Canal Grande, è possibile sentirsi davvero a Venezia: il Canal Grande, con i suoi palazzi sontuosi con il maestoso Ponte di Rialto e poi Piazza San Marco, con il Campanile e la Basilica,

Definita da molti la città più romantica del mondo, Venezia è unica al mondo per la bellezza delle sue architetture e per i canali, che sono da sempre la sua culla.

Oltre a questo a Italia in miniatura troverete Cinemagia 7D,  AreAvventura e SuperRacing sono invece tre emozionanti nuove aree,

Queste sono solo alcune delle attrazioni presenti all’ interno di un Parco all’insegna della tradizione e dei monumenti in miniatura, ma anche un vero e proprio cantiere delle idee in continuo rinnovamento, con  percorsi didattici guidati, ognuno modulabile per offrire a ogni scuola,

I temi proposti sono davvero  innumerevoli: fisica, biologia,  telecomunicazioni, educazione alimentare, storia e architettura italiana, arte e scienza, storia dell’unità d’Italia, costituzione italiana, educazione ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, educazione stradale e ambiente e biodiversità con la certezza di vivere un’esperienza avvincente e gratificante per tutti gli studenti.

1. ACQUARIO DI CATTOLICA

L’Acquario di Cattolica è un altro dei parchi tematici del gruppo  Costa ed è  ideata per coniugare educazione e divertimento, ma anche cultura e attenzione nei confronti dell’ecologia e del rispetto della natura.
I temi che si intrecciano sono differenti  sono esperienze emozionali e trasversali.

L Acquario di Cattolica è il più grande acquario dell’Adriatico, dove scienza e cultura si uniscono , per sensibilizzare il grande pubblico al rispetto della flora e della fauna,
Si parte dal Mar Mediterraneo passando per l’Oceano Atlantico, Pacifico e Indiano fino ad arrivare alla splendida barriera corallina del Mar Rosso: si trovano i pinguini, le lontre,  le meduse e poi gli squali toro più grandi d’Italia che nuotano  nella vasca da 700.000 litri .

L’attenzione all’ambiente e alla conservazione delle specie marine emerge nelle due aree targate “Salva una specie in pericolo” con “Plastifiniamola” e con l’Info Point “Tartarughe in Adriatico”,  il tutto realizzato in collaborazione con Fondazione Cetacea per tracciare e monitorare la vita delle tartarughe marine nel mare Adriatico.

I bambini diventano protagonisti nel percorso “Sulle orme dei Pinguini Imperatore”, un’area  che  catapulterà i piccolissimi al Polo sud, per scoprire le vita dei pinguini cosi’ da vicino come non mai.

Partendo per la visita dell’Acquario di Cattolica non si deve partire con fretta ma si deve osservar attentamente ogni angolino.

Gli animali dell’acquario  di fretta non ne hanno.

Servono solo tanta curiosità e voglia di conoscere e di stupirsi . Le vasche dell’Acquario di Cattolica  vanno osservate con grande attenzione, soprattutto quelle più piccole, che ricreano minuziosamente ambienti diversi, ricchi di vita e mistero.

Una visita da fare assolutamente insomma passando per la zona di Riccione.

Dopo una giornata passata in questi parchi vi consigliamo assolutamente … come minimo  un Hotel super attrezzato e accogliente che vi faccia vivere il vero spirito romagnolo!

Il nostro Riccione Beach Hotel è situato a Riccione a 60 metri dalla spiaggia sulla riviera Romagnola,  l’ideale con tanti servizi di qualità per vivere una vacanza in completo relax.

Qui  si trovano spiagge ampie comprese nel Parco Naturale proprio a fianco della foce del Marano.

Per leggere l’articolo Parchi Tematici Riccione – PARTE PRIMA clicca qui 

leggi altri articoli sulla nostra zona CLICCANDO QUI!.

 

Parchi Tematici Riccione Aquafan e Oltremare – parte prima

I PARCHI DIVERTIMENTO PIU’ FAMOSI IN EUROPA SONO A RICCIONE AQUAFAN, OLTREMARE ecc.

I migliori Parchi divertimento sono a Riccione e sono AQUAFAN e OLTREMARE, ITALIA IN MINIATURA, L’AQUARIO DI CATTOLICA, FIABILANDIA !

Ecco perchè vi consigliamo sempre di venire nel nostro Riccione Beach Hotel, ma… ecco la dimostrazione dei motivi per cui dovreste sceglierci come meta!

Grazie a questo fantastico blog avete modo di leggerli tutti!

Ma non perdiamoci in chiacchiere… oggi parliamo di: Parchi divertimento Riccione!

1. AQUAFAN RICCIONE

 

Aquafan è uno dei primi parchi acquatici costruiti in Italia.

È situato a Riccione, a poche centinaia di metri dalla uscita dell’autostrada A!4

Inaugurato nel 1987, negli anni ha riscosso talmente tanto successo da diventare il più famoso tra i parchi divertimento di tutt’Europa.

Il parco AQUAFAN, oltre ad offrire molti divertimenti acquatici classici (acquascivoli, piscina a onde, fiume lento e rapido), si continua a distinguere per la continua ricerca della novità acquatica più innovativa e bizzarra nonché per i servizi e le promozioni commerciali adottate.

Tra le attrazioni che, col passare del tempo, si sono aggiunte all’offerta originaria, divenendo, al contempo, simboli stessi del parco, si possono citare:

il Kamikaze, uno scivolo a due piste lunghe 90 metri in grande pendenza in cui la discesa raggiunge l’adrenalinica velocità di 70 km/h,

l’Extreme river, una rampa a sezione paraboidale (Half Pipe) sulla quale si scivola in moto armonico fino a perdere quota

e lo Speedriul, una struttura a forma di imbuto che “inghiotte” gli ospiti dopo un moto vorticoso.

Alle attrazioni di Aquafan  sopra descritte si affiancano spettacoli di animazione, musica e luoghi di ristoro.

All’interno dell Aquafan  sorge anche una discoteca molto popolare tra gli adolescenti, il cui nome è “Walky Cup“, noto per megaconcerti e favolosi schiuma-party

Aquafan è il primo parco acquatico europeo a rimanere aperto anche nelle ore notturne durante i mesi estivi.

Nel 2004  Aquafan è stato ampliato notevolmente costruendo affiancate al parco acquatico due nuove importanti strutture: il cinema IMAX ed il nuovo parco Oltremare di natura ludico-didattica.

Nel 2010, venne  installato un nuovo scivolo tubolare dal nome Strizzacool che, con la grandezza notevole della sua sezione, si caratterizza per offrire agli ospiti una discesa di gruppo.

Il parco è  molto grande  circa  150 000 m², pieno di tante attrazioni.

Tutto pensato per il tuo divertimento… ci pensi?

Dal 2011 durante l’estate in alcune serate (normalmente 1 volta a settimana), nel parco acquatico si svolge lo schiuma party più grande del mondo con ospiti e dj internazionali capaci di richiamare migliaia di giovani.

Tra questi: Paul KalkbrennerDavid GuettaAviciiLMFAOMartin SolveigGabry Ponte e Skrillex.

2. OLTREMARE RICCIONE

Un altro dei parchi divertimento più famosi d’europa è Oltremare!

Oltremare è un parco tematico naturalistico, sito a Riccione, specializzato nella tutela di particolari specie di animali, sia animali della terra e sia del mare.

Le attrazioni si concentrano   su ciò che riguarda gli animali degli oceani, posti in teche  acquari, ma il top sono gli  spettacoli marini e piccole riserve naturali.

Oltremare è stato Inaugurato nel giugno 2004. e si estende complessivamente  del parco è di 110.000 m², di cui 77.000 m² di spazi verdi e 24.000 m² di spazi coperti.

Oltremare dunque nasce da un progetto architettonico realizzato dal gruppo G.A.Lorenzon, Busby+Association Architects di Vancouver: per i suoi contenuti tecnologici all’avanguardia uniti a una particolare attenzione all’ambiente, è stato premiato con l’Award of Excellence dall’Associazione di Architetti Canadesi.

Oltremare è suddiviso in  differenti aree:

Adventure Island

Si tratta di un’area di 4000 m² dedicata ai bambini.

Essa rappresenta un playground sotto il segno di “Ulisse”, la mascotte del parco.

Nell’area i bambini possono giocare in modo autonomo o in compagnia degli adulti che li accompagnano in apposite attività.

Pianeta Terra

Pianeta Terra è un percorso visivo e multi sensoriale che si snoda attraverso quattro sale che consente di rivivere quattro tappe fondamentali che hanno segnato l’evoluzione del nostro pianeta da 15 miliardi a 12 milioni d’anni fa, molto bello e suggestivo.

Darwin, la foresta pluviale

 

Una cupola di vetro e acciaio racchiude l’ambiente dei rettili giganti, per come si stima potesse presentarsi nel Cretaceo.

I visitatori possono immergervisi camminando e  seguendo gli appositi sentieri, facendo esperimento dell’ambiente caldo e umido in cui vivevano i dinosauri prima che i grandi sconvolgimenti li portassero all’estinzione.

Il percorso termina  con l’attraversamento di una foresta bruciata dalla lava e con la visione delle sagome di alcune impronte di dinosauro riportate sul piano di calpestio.

Aree marine

Questa sezione è dedicata all’ambiente marino e si compone  dalla Laguna dei delfini e da Pianeta mare, area dedicata agli abitanti del mare Adriatico.

  • Pianeta Mare

Un grande ambiente completamente dedicato all’Adriatico e ai giganti che lo popolano.

E’ una mostra  molto accurata di balene, delfini, squali, pesci luna e altri grandi vertebrati, ricostruiti in scala reale in resina, fibra di vetro e poliuretano.

  • La Laguna dei Delfini

La laguna dei delfini, ricostruisce un angolo di Adriatico dove i tursiopi di Oltremare si esibiscono davanti al pubblico, è un momento educational molto bello ed importante per capire la vita di questi bellissimi mammiferi.

La laguna riproduce l’ambiente marino e si divide in più zone.

Aree naturali

Oltremare presenta una vasta area dedicata alla natura della terraferma. Le seguenti zone sono:

  • Area falchi: dove gli addestratori intrattengono il pubblico con vari tipi di falchi e rapaci  che vengono fatti  volare per il cielo e si librano a prendere le prede e a seguire . La zona contiene anche un piccolo itinerario turistico per la conoscenza più approfondita di queste specie di rapaci.
  • oltemare-spettacolo-rapaci-riccione-beach-hotel

 

  • Area spettacoli della fattoria:  è un palcoscenico, simile a quello dell’ “area dei delfini”, qui è possibile ammirare da vicino esemplari magnifici come l’Ara rossa e verde e l’Ara blu e gialla e i meno conosciuti Conuri del sole

 

  • Delta: lungo il percorso del Delta del Po  si possono osservare non solo flora e fauna tipiche del Delta del Po, come per esempio lo Storione (una specie endemica del mare Adriatico ima anche il pesce siluro e le testuggini palustri dalle orecchie rosse.

 

  • Wallaby: Dal 2018 è stata allestita un’area che ospita esemplari di Wallaby.
  • Dopo una giornata passata in questi parchi vi consigliamo assolutamente … come minimo  un Hotel super attrezzato e accogliente che vi faccia vivere il vero spirito romagnolo!Il nostro Riccione Beach Hotel è situato a Riccione a 60 metri dalla spiaggia sulla riviera Romagnola,  l’ideale con tanti servizi di qualità per vivere una vacanza in completo relax.Qui  si trovano spiagge ampie comprese nel Parco Naturale proprio a fianco della foce del Marano.Per leggere l’articolo Parchi Tematici Riccione – PARTE SECONDA clicca qui leggi altri articoli sulla nostra zona CLICCANDO QUI!.

 

 

Cosa fare a Rimini – parte seconda

COSA FARE A RIMINI – PARTE SECONDA

Cosa fare a Rimini? Te lo chiedi ancora nonostante nello scorso articolo avevamo iniziato a presentarti già molti motivi per cui conviene venire a rimini?

Ebbene con l’articolo di oggi allora non avrai più domande da farti!

Dai! Continuiamo a saziare il tuo bisogno di risposte alla domanda: Cosa fare a Rimini?

6 Il borgo di San Giuliano Rimini

cosa fare a rimini

Il borgo di San Giuliano è un’altra perla della città, sacra quasi come un luogo di pellegrinaggio, e qui  qualche decennio fa nacque il Maestro Federico Fellini.

Questo antico quartiere popolare vi ruberà letteralmente  l’anima camminando per le strette strade dell’antico borgo di pescatori: i panni stesi alle finestre profumano di buono e il silenzio che regna nelle strade assolate porta alla mente i pensieri più profondi.

Gironzolate qui tra i murales che ricordano il grande regista, uno splendido omaggio dei suoi concittadini, e non dimenticate assolutamente a casa  la macchina fotografica, perché il luogo si presta particolarmente.

Infine, una volta qui, ricordate di fare un salto nell’Abbazia di San Giuliano, che dà il nome al borgo e che contiene una splendida opera di Paolo Veronese.


7 Tour Felliniano Rimini

cosa fare a rimini

Volete un altro consiglio? Volete sapere cosa fare a rimini?

Partendo  sempre da San Giuliano e dai suoi murales colorati potrete organizzare un interessante itinerario che tocchi i maggiori luoghi felliniani.

Oltre a Piazza Cavour, che è un importante luogo di incontro nel film “I Vitelloni”, e alla spiaggia, spesso presente nelle pellicole di Fellini.

In autunno o d’inverno, con nuvole basse sull’orizzonte e la nebbia, potrete fare un bel giro tra le vie che da Piazzale Fellini portano a Piazza Marvelli: ognuna porta il nome di un film.

E poi c ‘è  Piazzale Fellini stesso, con il famoso Grand Hotel e la fontana dei Quattro Cavalli, è il simbolo di una Belle Epoque che ancora conquista e affascina tutt’ora.

cosa fare a rimini

Proseguiamo poi con  Castel Sismondo, il Porto Canale e Piazza Tre Martiri, tutte zone frequentate con gli amici dal Maestro Fellini ..

Non perdete alla fine la Fondazione Federico Fellini, per veri appassionati vista la ricchissima documentazione presente, ma nello stesso tempo ottima per avvicinarsi alla vita e alle opere di un grande Maestro. Fateci un pensiero!


8 Marina di Rimini e spiagge

cosa fare a rimini

E dopo tutto questo girare a piedi o in bici  sarete forse un po’ stanchi , ecco finalmente un po’ di meritato relax in spiaggia.

Godetevi il sole, il mare e l’atmosfera davvero unica di una delle spiagge più rinomate della riviera romagnola ampia e lunghissima….kilometri e kilometri di spiagge..

Dunque ora tutti a rilassarsi  sulla sabbia: , certo, ma anche decidere di non fermarvi nemmeno un minuto, tra partite di beach volley, ping pong, tennis e chi più ne ha più ne metta.

Le attività e gli eventi organizzati in estate sono infiniti dai vari comuni della Riviera , tanto per gli adulti quanto per i più piccoli

 

9 Festival degli aquiloni

cosa fare a rimini

Siete ancora  sulla spiaggia di Rimini?

Vi chiedete ancora cosa fare a Rimini?

Non potete perdere l’Aquilonata sul Mare, un appuntamento ormai trentennale che colora il cielo e stampa il sorriso sulla faccia dei bambini.

Potrete stupirvi di fronte al volteggiare esperto e brioso degli aquiloni, visibili anche a distanza coi loro colori accesi e capaci di catturare l’attenzione anche del turista più distratto.

Voli liberi, acrobatici movimenteranno la vostra permanenza in spiaggia e i laboratori saranno un momento davvero speciale in cui imparare a costruire gli aquiloni e cimentarsi con le tecniche di volo.

È un evento imperdibile e piuttosto raro, non vorrete mica rinunciarci?


10 Italia in miniatura, Aquafan, Oltremare, Fiabilandia

cosa fare a rimini

E per finire, regalatevi l’emozione di sentirvi un po’ come i giganti delle storie di Swift o come Alice, che nel Paese delle Meraviglie .

Andate a vedere l’Italia in Miniatura e divertitevi ad ammirare le bellezze dello stivale, tanto culturali quanto paesaggistiche, attraverso le minuziose ricostruzioni in scala,

poi spostatevi verso Riccione e qui troverete altri parchi della riviera da visitare assolutamente : Italia in Miniatura, Oltremare, Fiabilandia.

Vi siete persi la prima parte di questo articolo??? Cliccate qui. 

Leggete per questo approfondimento il nostro prossimo articolo che parla proprio di parchi divertimento Riccione.

Non vi resta che partire!

Cosa fare a Rimini – parte prima

COSA FARE A RIMINI

Ti sei sempre chiesto cosa vedere o cosa fare a Rimini in un paio di giorni?

Cosa fare a rimini

Ecco qua per te una selezione di  posti bellissimi di Rimini che ti faranno sognare.

Rimini , Cattolica e Riccione e la Riviera Romagnola fanno da sempre  rima con spiagge  sole  tanta gente e divertimento.

Tutto questo è vero, ma è assolutamente riduttivo pensare che Rimini sia solo questo.

Rimini con  i suoi quartieri e le sue piazze, chiassosi e molto belli sono infatti una scoperta continua, cosa fare a rimini?Buttando l’occhio qua e la  tra scorci incantati e tesori archeologici non potrai che scoprirlo.

La Storia di Rimini affonda le radici in tempi antichissimi.

Fu  Fondata dai Romani  subito dopo una vittoria sui Galli, l’antica Ariminum, cosi’ si chiamava all’epoca  divenne un centro sempre più importante.

Da qui gli antichi Romani  fecero partire due arterie fondamentali:

la via Flaminia che ancora oggi la collega con Roma, e la via Emilia che la unisce con Piacenza.

In questa zona  si incrociarono e si susseguirono popoli e dominazioni diverse: dai Bizantini ai Longobardi, dai Malatesta ai Veneziani. 

Ognuno di questi  Popoli ha  lasciato una traccia sorprendente e tutt’oggi  nelle maggiori attrazioni, come l’Anfiteatro, la Rocca Malatestiana, l’Arco di Augusto o il Tempio Malatestiano.

Sicuramente esplorare questi posti potrebbe essere la prima risposta alla domanda: “Cosa fare a Rimini?”

Seguiteci in questo viaggio ad esplorare le meraviglie di questa città!

Sicuramente va detto che Rimini è tra le perle dell’Emilia Romagna! 

Una delle migliori località turistiche in Italia per accoglienza e ospitalità: godetevi il sole nelle belle spiagge, ampie e attrezzate, entrate nelle chiese e nei palazzi, respirate a pieni polmoni l’atmosfera gioviale e di festa  del centro e riempitevi gli occhi di bellezza!


Partiamo con le varie attrazioni che soddisferanno la tua voglia del cosa fare a Rimini:

1 Tempio Malatestiano Rimini

cosa fare a rimini - duomo rimini

Cominciamo con una tappa obbligata, il Tempio Malatestiano, strettamente legato al nome di Leon Battista Alberti, che ne progettò la struttura e l’esterno, e ad altri nomi   celebri come Piero della Francesca, Giotto, Giorgio Vasari e Agostino di Duccio per gli affreschi, i dipinti e le sculture che sono custodite all’interno.

Il  Tempio fu voluto da  Sigismondo Pandolfo Malatesta per celebrare la sua stirpe,  la Cattedrale, all’inizio era una chiesa francescana con riferimenti e simboli pagani.

A oggi è un gioiello di rara bellezza: per i cittadini, abituati alla sua lucente bellezza, è semplicemente “il Duomo”, per i turisti uno scrigno di tesori.

Gustatevi e ammirate il contrasto netto tra l’esterno equilibrato e rigoroso e l’interno, ricco e sontuoso.

Tempio Malatestiano, Via IV Novembre, 35 – Rimini

Aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30 sabato, dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 19.00 domenica, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30

2 Centro storico Rimini

Il centro storico di Rimini è un mix di bellezza, arte, storia e vitalità! Un’altra delle cose che rispondono perfettamente alla tua domanda: “Cosa fare a Rimini?”

cosa fare a rimini 2

Basta passeggiare  tra le piazze e i vicoli  e ve ne renderete conto: arriverete al maestoso  Arco d’Augusto, il più antico arco romano conservato.

cosa fare a rimini - arco d'augusto rimini

Passerete di fronte alla famosissima Casa del Chirurgo, un prezioso scavo archeologico  sito in pieno centro in Piazza Ferrari, vera e propria Domus romana  in cui ammirare arnesi medici, arredi tipici e anche splendidi mosaici.

cosa fare a rimini - casa del chirurgo

E poi proseguendo si arriverà in  Piazza Tre Martiri, che era l’antico foro romano, e Piazza Cavour, la più importante in epoca medievale, bellissima e regale con i suoi edifici storici come il Palazzo dell’Arengo, Palazzo del Podestà e il Palazzo Comunale.

cosa fare a rimini 3

Il vero  simbolo vero della piazza è pero’ la Fontana della Pigna, al centro, da sempre punto di ritrovo per i cittadini.


Casa del Chirurgo, Piazza Luigi Ferrari – Rimini

Dal 10 settembre al 31 maggio: chiusa il lunedì. 
Aperta dal martedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00.
Domenica e festivi, dalle 10.00 alle 12.30 e poi dalle 15.00 alle 19.00

Dal 1 giugno al 9 settembre: chiusa il lunedì. 
Aperta tutti i giorni dalle 14.00 alle 23.00. Il martedì e il giovedì anche dalle 10.00 alle 12.30. 
Domenica e festivi, dalle 17.00 alle 23.00.

Costo del biglietto: intero € 6,00 / ridotto € 4,00 / ulteriori riduzioni per gruppi.

3 Museo della città Rimini

cosa fare a rimini 4

Il Museo della Città di Rimini è davvero bellissimo e fa parte della rete dei musei comunali insieme alla Domus del Chirurgo e al Museo Etnografico degli Sguardi.

Tutti e tre questi musei hanno una notevole importanza storica e sono quindi un must se ti stai ancora ponendo la domanda:”Cosa fare a Rimini?”

Ospitato in un ex convento dei Gesuiti, il Museo della Città  contiene opere straordinarie e resterete sicuramente impressionati di fronte alle opere del Ghirlandaio o del Guercino.

Nella  Pinacoteca, si ritroveranno  i momenti salienti della Scuola Riminese del Trecento e della Signoria dei Malatesta, mentre nella Sezione Archeologica sarete catapultati nella Rimini Imperiale. Salite a bordo!


Museo della Città di Rimini, Via Luigi Tonini, 1 . Rimini

Dal 10 settembre al 31 maggio: chiusa il lunedì. 
Aperta dal martedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00.
Domenica e festivi, dalle 10.00 alle 12.30 e poi dalle 15.00 alle 19.00

Dal 1 giugno al 9 settembre: chiusa il lunedì. 
Aperta tutti i giorni dalle 14.00 alle 23.00. Il martedì e il giovedì anche dalle 10.00 alle 12.30. 
Domenica e festivi, dalle 17.00 alle 23.00.

Costo del biglietto: intero € 6,00 / ridotto € 4,00 / ulteriori riduzioni per gruppi.

4 Pescheria Vecchia Rimini

cosa fare a rimini 5

Per cogliere l’essenza  e il cuore di una città come Rimini non si puo’ tralasciare una visita alla  zona della Pescheria Vecchia.

D’altronde ti sei chiesto/a tu Cosa fare a Rimini… no?

Questo è di certo il posto ideale e informale  per due chiacchiere con gli amici di fronte a una buona birra o a un bicchiere di vino, in uno dei tanti locali  e localini presenti attorno a questo luogo:

cantine, pub e ristorantini vi offriranno il meglio dell’Emilia Romagna a tavola… mentre il romanticismo della città, appena fuori, farà il resto.

Ammirerete poi le   geometrie ipnotiche dei vicoli e della galleria di archi, nata dall’ingegno dell’architetto Buonamici, sotto cui i famosi banchi in pietra, che un tempo servivano per la vendita del pesce fresco, oggi ospitano tantissimi giovani a ogni ora del giorno e della notte.


5  Ponte di Tiberio Rimini

cosa fare a rimini 6

Altro giro, altra corsa: spostiamoci a vedere ancora un’opera magnifica, sempre di epoca romana, il mitico Ponte di Tiberio.

Fu fatto costruire da  Augusto  sul fiume Marecchia, questo ponte che fu portato poi a termine dall’ imperatore  Tiberio  è un esempio imponente della grandezza delle costruzioni romane e soprattutto della loro enorme abilità tecnica.

Strutturalmente il ponte a cinque fornici è realizzato in pietra d’Istria e segna l’inizio della via Emilia.  È uno dei simboli della città che  apre  la via del foro, che si apriva con il Ponte e si chiudeva con l’Arco di Augusto.

Ancora oggi dopo secoli  è una vera magia! Lasciatevi stregare!

Dopo giornate vissute nell’immersione completa e dopo avr trovato cosa fare a Rimini… bhe… come minimo servirà un Hotel super attrezzato e accogliente che vi faccia vivere il vero spirito romagnolo!

Il nostro Riccione Beach Hotel è situato a Riccione a 60 metri dalla spiaggia , sulla riviera Romagnola,  l’ideale con tanti servizi di qualità per vivere una vacanza in completo relax.

Qui  si trovano spiagge ampie comprese nel Parco Naturale proprio a fianco della foce del Marano.

Per non parlare delle più famose discoteche del paese… le discoteche riccione!

leggi altri articoli sulla nostra zona CLICCANDO QUI!.


 

Emilia Romagna migliore destinazione vacanze per il 2018

E’ ufficiale LONELY PLANET la prestigiosa pubblicazione di viaggi  nomina l’ “Emilia Romagna migliore destinazione vacanze per il 2018”

Cosa ti aspetti dal posto che definiresti: ” migliore destinazione vacanze Emilia Romagna “?

Le bellezze dell’ Emilia Romagna sono l’esempio perfetto di come, a volte, spingendosi appena fuori dalle mete più note e frequentate  sia facile trovare posti meravigliosi.

Questa fantastica regione finalmente  quest’anno si è aggiudicata la prima posizione nella classifica Best in Europe 2018.

Seguono il “podio” del Best in Europe 2018:

Kosovo e Provenza (Francia),

Dundee (Scozia) e Piccole Cicladi (Grecia),

Vilnius (Lituania),

Vipava Valley (Slovenia) e Tirana (Albania).

Dichiara Tom Hall, global editor di Lonely Planet: «Per chi vuole evitare le mete europee affollate quest’estate, il Best in Europe di Lonely Planet svela la nostra lista di destinazioni che offrono un’ottima alternativa ai luoghi di vacanza tradizionali.

I nostri esperti di viaggio hanno attraversato il continente per scoprire le mete più eccezionali, sconosciute e spesso sottovalutate che vale la pena esplorare proprio ora…

Pensare che l’Emilia Romagna sia la migliore destinazione vacanze è per noi una vera gioia!

Se siete in cerca di un weekend in una capitale culturale, di scenari spettacolari o di una destinazione per foodies, potete trovarle tutte nella regione italiana dell’Emilia Romagna.

Una regione che non può passare inosservata se confrontata ad altre destinazioni italiane più conosciute.

Ci sono poi certamente anche altri consigli che riguardano luoghi che gli esperti viaggiatori europei prediligono attualmente».

Le motivazioni di questo ambito di riconoscimento sono molte e legate a vari settori, da quello culinario a quello storico…

provate a seguirci nel nostro racconto e inizierete a capirne i motivi.

Meravigliatevi degli splendidi mosaici di Ravenna in “Emilia Romagna migliore Destinazione Vacanze 2018”

Dovete prepararvi bene allo spettacolo che vi si parerà davanti agli occhi quando vi troverete al cospetto di questi antichi mosaici.

Sono esempio magistrale di arte sacra che si è guadagnato il titolo di sito patrimonio mondiale UNESCO.

La meravigliosa Basilica di San Vitale, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Mausoleo di Galla Placidia e la Basilica di Sant’Apollinare in Classe;

Vi faranno trattenere il respiro per la meraviglia e la loro ’imponenza  e resterete rapiti dalle luci e dai colori che sprigionano le tessere di vetro tinte di accesi verdi, di oro luminoso e di profondi blu e rossi vibranti.

Farete fatica ad uscire fuori, resterete a lungo rapiti ad ammirare le navate e i soffitti di questi meraviglie.

Rimpinzatevi di cibo e cultura a Bologna

Bologna, è  una  città vibrante e bohémiene’ piena di giovani ed universitari, ma ricca anche di turisti che per qualche giorno si fermano a visitarla e ad assaporare la meravigliosa cucina.

Infatti  dovrebbe essere una priorità per tutti gli amanti del food che qui possono  godere delle molte meraviglie gastronomiche che la città offre.

La cucina bolognese alla fine offre  cose semplici, ma che qui hanno il loro sapore originale, come:

le tagliatelle al ragù,

i tortellini in brodo,

i tortelloni burro e salvia e i panini alla mortadella.

Del resto è proprio per questo che FICO Eataly World  ha aperto qui il parco agroalimentare più grande al mondo:  con dieci ettari dedicati al cibo dalla campagna alla tavola, a un passo dalla città.

Tutto il resto è storia da vedere e da raccontare, nel vero senso della parola: qui a Bologna  la più vecchia università europea:

Circa 40 chilometri di portici incredibili,

torri medievali,

chiese risalenti all’undicesimo secolo e un affascinante museo dedicato agli strumenti musicali, la Collezione Tagliavini in San Colombano.

E siamo solo alla prima delle meravigliose destinazioni possibili in “Emilia romagna migliore destinazione vacanze 2018”

Andate su di giri nella Motor Valley

Provate a trovare un altro luogo al mondo che assomigli alla Motor Valley in Emilia Romagna.

Lungo l’antica Via Emilia, che collega Piacenza a Rimini, è tutto un susseguirsi di grandi nomi e leggende del settore automobilistico:

Ducati,

Lamborghini,

Ferrari,

Maserati e Pagani

Sono tutti nati e cresciuti qui, principalmente attorno a Modena e Bologna.

Potrete perdervi tra ben nove musei dedicati agli sviluppi del settore automobilistico con  21 collezioni private di auto d’epoca.

Dalla casa della Ferrari  e il museo situati a  Maranello, al sito produttivo di Lamborghini a Sant’Agata Bolognese,

Passando per lo showroom e gli stabilimenti di Maserati, oppure a una giornata passata in pista a Santa Monica facendo magari un bel corso di guida su uno sei percorsi piu’ famosi al mondo.

Abbuffatevi di Parmigiano Reggiano e Prosciutto a Parma; due tra le specialità più famose dell’ “Emilia Romagna miglior destinazione vacanze 2018”

Il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto di Parma sono infatti alimenti internazionali e insostituibili in molte ricette della cucina italiana.

Ebbene provengono proprio da qui, da Parma e circondario: il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto di Parma.

È impossibile e insensato provare a sminuire il valore di questi due sublimi alimenti e l’unica cosa da fare è goderne…

…magari ordinando un tagliere bello quanto una natura morta rinascimentale.

Per bruciare le calorie assunte basterà infilarsi un bel paio di scarpe da tennis e visitare l’impressionante battistero ottagonale in marmo rosa e il duomo romanico di parma che risale al 1106.

Goditi tutte le bellezze della città passeggiando a piedi per la bellissima metropoli.

Scovate l’arte e la musica rinascimentale di Ferrara, una delle più belle città dell’ “Emilia Romagna migliore destinazione vacanze 2018”

Ferrara è non è troppo frequentata dai turisti internazionali nonostante sia un capolavoro di fascino architettonico e culturale e cio’ è sicuramente un vero peccato.

Le torri del Castello Estense dominano il centro rinascimentale, che è un altro sito del patrimonio UNESCO, dove risiedono alcuni degli edifici più straordinari del paese.

Qui corrono 9 chilometri di mura medievali che proteggono la città e custodiscono un segreto prezioso: il Jazz Club Ferrara, che occupa una torre di difesa restaurata risalente al 1493.

Si tratta di una delle più spettacolari location per assistere a spettacoli di musica dal vivo  e se avrete la fortuna di passare di li  vi capiterà di imbattervi magari in qualche bella performance.

L’arte ha radici antiche a Ferrara: il Teatro Comunale del diciottesimo secolo è uno dei più importanti teatri d’opera ed è legato a doppio filo con il lavoro del Maestro del XX secolo Claudio Abbado.

Assaporate il vero gusto dell’aceto balsamico di Modena… a Modena

Continuamo  il viaggio e arriviamo a Modena, patria dell’aceto balsamico e proprio qui  quando penserete di non poter assaggiare nulla di più e di essere sazi dei sapori dell’Emilia Romagna cambierete idea.

Il mosto del Lambrusco e del Trebbiano vengono cotti e lasciati fermentare per un paio di settimane prima di essere messi a invecchiare per almeno 12 anni in una  batteria per produrre il divino Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.

Per scoprire dal vivo come avviene questo secolare processo basta visitare una delle acetaie del territorio:

E’ un’esperienza affascinante e multisensoriale, oltre che una scusa per scoprire le tradizioni antiche delle famiglie dei produttori.

A questo punto sarete pronti per cogliere tutte le complesse sfumature di sapori e cio’ che assaggerete capirete che non avrà nulla a che fare con qualunque aceto balsamico che vi sia capitato di assaggiare prima.

Tuffatevi in un libro di storia medievale a Brisighella

Scendendo verso la Romagna si incontra un delizioso paese,  il  villaggio medievale di Brisighella, ai piedi dell’Appennino Romagnolo.

Il paese è circondato da piantagioni di ulivi che vengono utilizzati per la produzione di uno degli oli di oliva più stimati non solo dell’ “Emilia Romagna migliore destinazione vacanze 2018″… ma d’Italia.

I tetti color ruggine sono sorvolati da un trio di strutture iconiche: la Rocca medievale, la Torre dell’Orologio e il santuario Monticino,   che  offrono vedute spettacolari sulla cittadina.

Il periodo ideale per visitare questa zona è durante la stagione dei carciofi Moretto (da metà aprile a metà maggio), quando tutta la città va in overdose di questa deliziosa specialità, che cresce solo qui.

Fate un pellegrinaggio alla casa di Verdi, a Busseto

La piccola cittadina di Busseto, a pochi chilometri da Parma, è un luogo di pellegrinaggio per gli amanti dell’opera che giungono qui per immergersi nel mondo del leggendario Giuseppe Verdi.

 

Villa Verdi, composta di  56 stanze, è rimasta pressappoco com’era quando il Maestro morì, nel 1901.

Il vicino Museo Nazionale Giuseppe Verdi conduce i visitatori in un viaggio nella vita e nel lavoro del celebre compositore.

Il  culmine della visita lo raggiungerete infine quando assisterete a un’opera nel tanto maestoso quanto minuscolo Teatro Verdi, risalente al 1868.

Il miglior momento per dedicarvi a questo pellegrinaggio è a ottobre, durante il Festival Verdi.

Sole, mare e cinema a Rimini, la capitale del divertimento dell’ “Emilia Romagna migliore destinazione vacanze 2018”

Etichettare Rimini come una semplice meta estiva, terra di divertimento e spiagge affollatissime, sarebbe però riduttivo.

La città romagnola è la terra della buona cucina (le piade riminesi sono semplicemente impareggiabili!).

Cultura e memoria cinematografica, inoltre, possono essere una tappa ideale per un breve soggiorno, anche da trascorrere in famiglia.

Questa zona è quindi  un concentrato di storia, cultura, fascino e movida.

Elementi così diversi fra loro, ma non per questo incompatibili, hanno contribuito a rendere il centro storico riminese una vera e propria attrazione di punta della città.

Vivace e in continuo fermento, vero e proprio cuore di Rimini, vive grazie alla presenza massiccia di cittadini e turisti nelle piazze più importanti e vicino a musei e monumenti di spicco della località romagnola.

Scendendo un po’ verso sud troverete la bellissima zona di Riccione, Cattolica e Misano.

Il nostro Riccione Beach Hotel è situato a Riccione a 60 metri dalla spiaggia , sulla riviera Romagnola,  l’ideale con tanti servizi di qualità per vivere una vacanza in completo relax.

Qui  si trovano spiagge ampie comprese nel Parco Naturale proprio a fianco della foce del Marano.

Per non parlare delle più famose discoteche del paese… le discoteche riccione!

leggi altri articoli sulla nostra zona CLICCANDO QUI!.

 

Molo Street Parade Rimini 2018 | hotel economico Riccione

Molo Street Parade Rimini in arrivo la nuova edizione 2018.

La Molo Street Parade Rimini è una festa unica nel suo genere, un perfetto connubio e mix tra la tradizione romagnola e la musica moderna dei più famosi DJ nazionali e internazionali.

Deejay e pescatori quindi  si uniscono per servire sui loro “piatti” musica & sardoncini….

Eh si  gli ingredienti della grande parata musicale sul porto di Rimini che dal 2012 contagia con la sua energia musicale giovani, giovanissimi e intere famiglie per ascoltare i più famosi dj d’Europa.

molo street parade rimini 2018 riccione beach hotel economici riccione

Dalle consolle dei pescherecci affacciati sul mare va in onda un perfetto connubio fra tendenze musicali e sonorità varie, mentre sulla banchina i pescatori servono i piatti della tradizione marinara.

Sul molo di Rimini musica a tutto volume, balli e ci si puo’ scatenare mangiando saporitissimi sardoncini appena pescati nel Mare Adriatico dai pescherecci riminesi.

molo street parade rimini 2018 riccione beach hotel economici riccione mappa

La Molo Street Parade Rimini si tiene a intorno all’ultimo weekend ed esattamente il 30 Giugno 2018 inizia intorno alle  18:00 alle 24:00

Nell’ultima edizione han partecipato circa 200.000 persone.

MOLO STREET PARADE 2018 RIMINI PROGRAMMA

La programmazione della Molo street parade Rimini sarà pubblicata a breve su questo sito e sul sito ufficiale dell’evento o sulla realtiva pagina facebook.. Anche quest’anno ci saranno tantissimi ospiti italiani e internazionali.

Come da tradizione anche per questa edizione 2018 della Molo street Parade Rimini, quando giunge al termine, la festa continua nelle discoteche come:

Coconut Rimini

Cocorico Riccione,

Peter Pan Riccione,

Baia Imperiale,

Villa delle Rose Riccione etc.

molo street parade rimini 2018 riccione beach hotel economici riccione

Quindi non perdere questa opportunità e approfitta  per scegliere il Riccione Beach Hotela due passi dalla spiaggia del Marano e dal Molo Street Parade da tutti i suoi locali e a pochissima distanza dalle discoteche più in della Riviera.

Quali? ovviamente Cocoricò Riccione e Villa delle Rose, Samsara Beach, AltroMondo Studios Rimini, Baia Imperiale, e vivi un week end  all’insegna di musica, feste e divertimento e non finire!

Clicca qui per avere altre info-

E  leggi altri articoli correlati

Brunch e Bed and Breakfast meravigliosi!

bed -and- breakast-hotel-economici-riccione

“Brunch”… cos’è? L’hai mai provato?

Brunch è una delle tante parole di origine inglese in uso in Italia, ma che cosa è in pratica, siete mai stati in un bed and breakfast che offrisse questo originale servizio?

Il brunch è un pasto tipicamente americano: l’origine del termine  è infatti statunitense e già il nome stesso, che è dato dall’unione di alcune sillabe delle parole breakfast (colazione) e lunch (pranzo).

Fa intuire che si tratta di un pasto che racchiude la colazione e il pranzo appunto, offerto in certi casi nei bed and breakfast.

bed -and- breakast-hotel-economici-riccione

La domenica mattina, quando ci si alza con calma tranquilli tranquilli, quando è troppo tardi per la colazione ma troppo presto per il pranzo…

beh…  la cosa più trendy da fare è dare appuntamento per il brunch fatto in casa o in uno dei moltissimi locali che lo organizzano.

bed -and- breakast-hotel-economici-riccione

Oppure scegliere un albergo bed and breakfast dove vi venga proposto tra i vari servizi.

L’idea alla base del Brunch è rompere con le tradizioni e sentirsi piu’ liberi e mangiare alimenti sia della prima colazione che del pranzo in un unico momento, nonché in un orario flessibile.

Infatti,  il brunch al Riccione Beach Hotel tutti i giorni inizia alle 8,00 e arriva fino alle 14,30 uniamo quindi  le due cose  colazione e pranzo facendo appunto questo pasto strategico.

bed -and- breakast-hotel-economici-riccione

 

Da qualche anno a questa parte la tendenza ha preso piede in Europa ed è quindi arrivata anche in Italia,

Solitamente il brunch è a buffet e a seconda del paese in cui si fa si trovano prodotti differenti:.

Ma… Cosa si mangia a un brunch?

Un mix favoloso ed abbondante di cose dolci e salate.

Non possono mancare il tè o il caffè,

torte e dolci muffin,

cupcake,

pane e marmellata,

brioche

ma anche centrigughe energizzanti,

succhi di frutta yogurt ecc ecc

tutto in perfetto stile healthy breakfast.

Ma parlando di salato, spesso si trovano pizze farcite e focacce,

frittate veloci e semplici,

tartine,

uova e salumi,

ma anche pasta fredda o calda e tortini.

Insomma: c’è tutto quello che può calmare le voglie  di dolce della colazione e soddisfare gli appetiti del pranzo, un mix perfetto per la fame che ci assale al risveglio.

Vuoi scoprire meglio e più nel dettaglio di cosa tratta il Brunch?

CLICCA QUI e leggi l’altro articolo che abbiamo preparato per te!

Quindi rinnoviamo l’invito!

Se volete provarlo in diretta al  Riccione Beach Hotel, il miglior bed and breakfast di Riccione;

Ogni giorno della settimana potrete svegliarvi con calma e lasciarvi guidare dal gusto dai colori e dai profumo del nostro grande buffet.

bed -and- breakast-hotel-economici-riccione

Cosa aspetti?

Vieni a visitare il nostro splendido sito web e scopri tutte le offerte low cost che abbiamo riservato per te!

CLICCANDO QUI…